Inspira – Espira. Ovvero l’infinito in continuo alternarsi.

img_0510-l
Variante di Dandasana o posizone del bastone a terra, attiva Svadhistana, Anahate e Vishuddi, secondo, quarto e quinto Chakra. Come eseguire Dandasana: allinea gli ischi a terra, inspira ed espira profondamente e allunga le braccia verso l’alto, intreccia le dita tra di loro tranne gli indici (associati al chakra del cuore, intestino crasso e al meridiano profondo dello stomaco) e punta lo sguardo verso di loro. Concentrati sull’alternanza inspiro – espiro. Benefici: rinforza i muscoli del torace e del dorso contrastando il rilassamento dell’addome, tonifica i muscoli delle gambe, migliora la respirazione toracica ed è utilissima per gli asmatici, migliora la concentrazione e la determinazione e combatte l’ansia e l’instabilità emotiva.

Praticare yoga vuole dire come prima cosa praticare il respiro. Facile, eh?

Se sai respirare, puoi fare yoga. Diceva un mio maestro.

Ed è proprio così. Questo continuo alternarsi di stasi e movimento, di inspiro ed espiro, di apertura e chiusura che porta la nostra attenzione al momento prosente, al qui ed ora, è yoga.

Tranne in alcuni rari casi, nello yoga si respira sempre con il naso. Questo perché è proprio nelle due narici del naso che convergono due fra le nadi* più importanti del nostro corpo: Ida e Pingala.

Ida si occupa dei processi mentali e scorre nella parte sinistra del corpo, nasce dal plesso sacro-coccigeo (1° chakra) termina nella narice sinistra ed è responsabile dell’emisfero destro del cervello. Ha come simbolo la Luna, è l’energia femminile. Da un punto di vista fisiologico rafforza l’apparato digerente aiutando il processo di secrezione enzimatica e lo svuotamento della vescica. A un livello più sottile, Ida aiuta a diminuire la naturale identificazione con la sfera dell’Ego, perché viene lasciato più spazio all’intuizione e alla libertà di idee.

Pingala compie il percorso inverso e speculare a Ida, in quanto termina nella narice destra ed è responsabile della parte sinistra del cervello. Ha come il simbolo il Sole ed è un’energia maschile. Come Ida, Pingala nel suo percorso sale a spirale lungo la colonna vertebrale e con essa s’incontra nei 5 Chakra. Pingala attiva il metabolismo in quanto stimola l’emissione di adrenalina aumentando il battito cardiaco. A livello sottile, Pingala stimola la sfera dell’Ego, incoraggiando la consapevolezza e l’apertura all’esterno.Durante la pratica, Ida e Pingala vengono continuamente stimolate nel continuo e infinito alternarsi di respiro e movimento: essere consapevoli di questo semplice atto, il respiro, è il primo fondamentale passo verso quel tipo di sensibilità e profonda percezione del sé – molto acuita – che la disciplina dello yoga tende a donare ai suoi praticanti.

Pubblicato da Sonia Pippinato

Yoga trainer 500 RYT, RYPT, yoga nidra, yin yoga.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...